Con Verona Minor Hierusalem alla scoperta di palazzi e chiese sulla via Postumia

palazzo Canossa Verona Minor Hierusalem

Arriva a Verona il nuovo itinerario di Verona Minor Hierusalem, “Palazzi e chiese lungo l’antica via Postumia”. Sarà presentato durante la serata formativa di martedì 15 gennaio, dalle 20 alle 21.30 in Vescovado, nel Salone dei Vescovi.

Le iniziative di Verona Minor Hierusalem crescono e si moltiplicano con il riconoscimento del Bando di Fondazione Cariverona: la programmazione triennale prevede, oltre alla normale attività di apertura di 16 chiese in giorni stabiliti, la realizzazione di undici eventi per anno con il coinvolgimento dei 22 partner istituzionali che rappresentano la nostra città.

“In linea con il Bando Valore e Territori della Fondazione Cariverona – spiega Paola Tessitore, coordinatrice del Progetto Verona Minor Hierusalem – sono stati ideati undici percorsi nei quali saranno interessati non solo le chiese, ma anche monumenti, palazzi, personaggi che hanno segnato la storia di Verona. Il Progetto si sviluppa su proposte di carattere storico, artistico e, per chi lo desidera, anche spirituale e si basa sull’accoglienza qualificata del volontariato culturale, grazie al quale si realizza l’economia del dono, uno dei valori fondamentali del progetto e i cittadini diventano protagonisti e custodi della cultura della città”.

Il primo percorso è dedicato ai palazzi e alle chiese lungo l’antica Via Postumia e si terrà sabato 19 gennaio dalle 14 alle 17.30 con obbligo di iscrizione nominale su visite@veronaminorhierusalem.it e partecipazione a offerta libera. Sarà condotto da Davide Adami, guida turistica e docente di Storia dell’Arte e sarà anticipato da una serata formativa aperta alla città martedì 15 gennaio dalle 20 alle 21.30 nel Salone dei Vescovi, in Piazza Vescovado 7 a Verona.

Palazzo Bevilacqua Verona Minor Hierusalem
Palazzo Bevilacqua

“Questo evento, che si svolge lungo la prima parte dell’Itinerario ‘Rinascere dalla Terra’ che scorre lungo l’asse prospettico della Postumia, consente di ritrovare attraverso un viaggio nello spazio e nel tempo le plurime radici – romane, cristiane e civiche – della città. Una riscoperta – conclude il professor Adami – che, grazie alla disponibilità e alle competenze dei soggetti coinvolti, sarà possibile vivere e ascoltare scoprendo anche dall’interno i luoghi più rilevanti del percorso, con un focus particolare sui luoghi connessi alla dimensione della virtus e del decoro urbano quali Castelvecchio e i Palazzi Canossa e Bevilacqua“.

Ai partecipanti verranno forniti gli auricolari per seguire la guida dal vivo. Si prevedono cento partecipanti, in un percorso di 760 metri della durata di tre ore e mezzo.

Durante l’incontro formativo di martedì 15 gennaio in Vescovado tre relatori approfondiranno i temi legati al percorso del 19 gennaio: lo storico dell’arte Davide Adami, con ‘I Palazzi Canossa e Bevilacqua’; Michele Righetti, Presidente Opera Famiglia Canossiana, con ‘Il carisma di S. Maddalena di Canossa’; l’architetto Alba Di Lieto, Responsabile Archivio Carlo Scarpa-Museo di Castelvecchio, con ‘Carlo Scarpa, un architetto tra Oriente e Occidente’.

Sabato 19 gennaio sarà invece inaugurato il percorso sulla Via Postumia, con partenza alle 14 da S. Zeno in Oratorio (vicino a Castelvecchio). A Castelvecchio ci sarà l’incontro con Francesca Rossi, direttrice dei Musei Civici di Verona, che illustrerà il ruolo di Verona come crocevia di storia e arte; a seguire la visita ad alcuni ambienti di Palazzo Canossa dove assieme all’avvocato Lamberto Lambertini si potranno visitare eccezionalmente le sale affrescate dello studio legale Lambertini&Associati. Nello stesso palazzo, accompagnati da un rappresentante dell’Opera Famiglia canossiana si entrerà nella cappella per conoscere il carisma e l’opera della santa veronese Maddalena di Canossa. Si raggiungerà poi Palazzo Bevilacqua, situato nell’attuale Istituto scolastico Pindemonte reso disponibile grazie al dirigente scolastico Enzo Gradizzi, per incontrare il professor Ottavio Bevilacqua, discendente della storica famiglia.

fonte battesimale di SS. Teuteria e Tosca Verona Minor Hierusalem
Fonte battesimale di SS. Teuteria e Tosca

Dopo la visita ai palazzi storici si entrerà nella chiesa di San Lorenzo, contraddistinta dalle due torri scalari e dalle gallerie, per raggiungere poi il vicino sacello SS. Teuteria e Tosca a fianco dei SS. Apostoli, dove fu battezzato San Giovanni Calabria e che conserva il fonte battesimale utilizzato per il battesimo di Santa Maddalena di Canossa (un tempo conservato a S. Lorenzo).

Il percorso si chiude a Porta Borsari. Lungo le varie tappe saranno proposti alcuni brevi intermezzi teatrali curati dal regista Gaetano Miglioranzi che riporteranno i partecipanti indietro nel tempo, in alcune epoche storiche vissute dalla nostra città.