Quarto appuntamento al femminile per il Festival di Cinema Africano

Domani, venerdì 13 aprile alle 20.30, la 37° edizione del Festival di Cinema Africano presenta il quarto e penultimo appuntamento della rassegna con il docufilm Patience, Patience, t’iras au paradis!. La trama racconta la storia della migrazione femminile che, negli anni Sessanta, ha visto molte donne del Maghreb spostarsi in un Paese sconosciuto solo per seguire i mariti alla ricerca di un lavoro e il titolo richiama il ritornello che erano solite ripetersi per darsi forza (Porta pazienza e andrai in paradiso!). Ospite della serata, che si terrà nella Sala Africa dei missionari comboniani, sarà la volontaria e mediatrice culturale Houda Bouka, marocchina ma residente in Italia da 16 anni. A dialogare con lei la giornalista di Fondazione Nigrizia, Jessica Cugini.

È arrivato al suo quarto e penultimo appuntamento e, per l’occasione, il 37° Festival di Cinema Africano Tutto l’Anno propone un docufilm con una forte impronta femminile. Racconta una migrazione di cui poco si è parlato (e si parla), quella delle donne che, negli anni Sessanta, hanno lasciato la loro vita in Maghreb per seguire i mariti in Belgio, alla ricerca di un lavoro.

Patience, Patience, t’iras au paradis! (Porta pazienza e andrai in paradiso!), è il titolo del film, ma anche una sorta di cantilena, un ritornello ripetuto all’infinito proprio dalle donne migranti per aiutarsi a sopportare la vita. Eppure, a cinquant’anni di distanza, sono quelle stesse migranti coraggiose a trovare la forza di emanciparsi, scoprire l’autoironia e lo humor che le accompagna.

Il film, che sarà proiettato venerdì 13 aprile alle 20.30 nella Sala Africa dei missionari comboniani, è stato realizzato nel 2014 dalla regista e giornalista belga Hadja Lahbib che con Patience, Patience, t’iras au paradis! è arrivata al suo terzo documentario. Ospite della serata sarà Houda Bouka, una donna di origni marocchine che risiede in Italia da 16 anni. Madre di due figli e fondatrice dell’associazione culturale Nissa, volontaria nell’associazione Nur, mediatrice e facilitatrice culturale e linguistica, Houda è da anni protagonista di tanti incontri per far conoscere la sua cultura d’origine in questa città. A dialogare a Houda Boukal sarà Jessica Cugini, giornalista di Fondazione Nigrizia.

L’ultimo appuntamento con la rassegna sarà venerdì 11 maggio con i film Ghetto psa e Aji-bi les femmes de l’orloge.

Il costo del biglietto per assistere alle proiezioni è di 5€. Per informazioni: 366 8145670 o 045 8033519 –organizzazione@cinemafricano.it –  www.cinemafricano.it .