Il labirinto dei sogni, un’opera d’arte in pigiama

pigiama-mostra-arte-seduta

Uno shooting dell’artista veronese Andrea Prandi ha conquistato grandi e piccini, che hanno posato in questi giorni per mostrare e interpretare la quotidianità di ognuno di noi e il piacevole momento del sonno.

È nata l’opera d’arte in pigiama. Centinaia gli scatti, creati grazie alla  grande affluenza allo shooting fotografico organizzato dall’artista veronese Andrea Prandi, per realizzare una nuova opera d’arte dal titolo «Il Labirinto dei sogni». Il servizio fotografico si è tenuto in questi giorni a Verona presso l’Italian Relax Group, da sempre promotore della salute ed del benessere della persona, che ha messo a disposizione i letti del suo showroom.

Hanno partecipato al nuovo progetto del fotografo veronese, proprietario dello studio artistico Arkart a San Giovanni Lupatoto, uomini, donne e bambini di tutte le età, che hanno dimostrato interesse e soprattutto sorpresa per l’idea di rappresentare e interpretare un momento intimo come quello della notte. La nuova originale proposta dell’artista prevedeva, infatti, di effettuare scatti fotografici zenitali a persone in pigiama mentre stanno dormendo, con lo scopo di cogliere e apprezzare di più la quotidianità di ciascuno di noi nell’intimo momento del sonno. Ogni persona intervenuta è stata fotografata in un letto con gli indumenti che usa abitualmente per dormire e nelle posizioni che caratterizzano maggiormente la notte. Un progetto originale, fresco e molto curioso alla scoperta della nostra routine.

Il fotografo veronese Andrea Prandi, ha iniziato la sua formazione artistica presso l’Accademia di Belle Arti di Verona, proseguendo poi i suoi studio di pittura, decorazione e anatomia. Diventato, ormai, un artista di fama internazionale spazia dalla pittura su tela all’illustrazione , dalla fotografia all’arte digitale, dalla sceneggiatura alla regia. Il 2017 sarà un anno nuovamente ricco di eventi e vedrà l’artista presente ad eventi nazionali, come la Triennale di Arti visive di Roma, ma anche internazionali, tra cui l’Art Expo di New York.