La vegetariana, il romanzo del 2016

storytelling

Appuntamento a questa sera ore 19.15 presso la Libreria Pagina Dodici per scoprire il libro “La Vegetariana”, che è valso alla sua autrice il Man Booker International Prize 2016.

Dalle 19.15 presso la Libreria Pagina Dodici ci si concentrerà solo sul romanzo “La Vegetariana” della scrittrice coreana Han Kang, che grazie a quest’opera ha ottenuto grandi consensi da parte di critica e pubblico. Il titolo del libro può essere fuorviante, in quanto in realtà viene raccontata la storia di una donna molto complessa e della sua difficile decisione di smettere di mangiare carne e delle conseguenze che ne deriveranno.

 

La scelta della protagonista è quella di non mangiare più carne, fino a diventare vegana e poi a digiunare, pensando di essere, probabilmente nel suo delirio, un vegetale. Il tutto viene visto con gli occhi del marito, cinico e brutale, che non va oltre la lettura superficiale di una scelta alimentare, del cognato-artista, che legge il fenomeno in chiave mistica, collegandolo al lato più oscuro della natura. E infine, con gli occhi della sorella, che cerca di accettare quella che crede essere una follia derivante dalla terribile storia famigliare e che è costretta ad assistere la protagonista durante la sua degenza in una clinica psichiatrica.

La Vegetariana è un romanzo molto complesso, di grande profondità e con diversi livelli di interpretazione, che variano a seconda del punto di vista dei tre osservatori. Come assicura l’autrice, infatti, “non esiste un perché universale che spieghi la scelta della protagonista. Tutti gli sguardi in contrasto tra loro falliscono quando vogliono dirci la verità su qualcuno o qualcosa.” Vi è uno “spazio vuoto”, creato apposta, che consente al lettore di tracciare il “suo” personale  volto della protagonista.

Un storia che vale la pena scoprire e provare a interpretare, magari anche con gli occhi di qualcun altro, che ha percepito questa scelta in maniera differente dalla nostra.