Et fiat lux: Špela Volčič alla galleria Fuori le Mura

La galleria Fuori le Mura è lieta di ospitare il progetto ET FIAT LUX dell’artista Špela Volčič. Per la prima volta a Verona, l’artista propone un nuovo momento evolutivo del suo percorso artistico con una mostra personale che è la sintesi delle ricerche più recenti.

Il progetto ha come protagonista una figura ricorrente dell’immaginario di Volčič: il fiore artificiale, il fiore riprodotto che cristallizza e immortala ciò che in natura è l’effimero per eccellenza. Soggetto unico di queste fotografie, è rappresentato doppiamente nel suo essere riproduzione (imitazione del reale) ed essere riprodotto (in quanto a sua volta soggetto della rappresentazione fotografica) in un’imitazione reiterata che ne rafforza l’eternità.

Ogni singola opera è la sintesi di un mirato lavoro di costruzione della composizione dell’immagine e delle fasi
tecniche del processo produttivo della fotografia analogica tradizionale: le immagini in questo caso sono realizzate con il banco ottico, per ottenere l’assoluta nitidezza di ogni dettaglio della materia fotografata.

Il tecnicismo compositivo e all’opposto la modestia del materiale sintetico dei fiori, che è tipico della
produzione seriale di largo consumo, rimangono celati dietro un’ambiguità che confonde e inganna lo spettatore: ci s’illude di trovarsi di fronte alla rappresentazione di un reale bouquet di fiori di cui emerge tutta la delicatezza e l’eleganza tipica delle nature morte della pittura barocca fiamminga.

Quest’inganno viene enfatizzato nell’installazione di stampe lenticolari che creano e simulano l’animazione dei fiori nel momento del loro sbocciare in gioco di sovrapposizioni di immagini che stupisce e diverte lo spettatore.

La produzione della serie di composizioni di fiori è caratterizzata da una ricerca meticolosa e analitica in cui la luce gioca il ruolo preponderante. Le lumeggiature d’ispirazione barocca che evidenziano i punti luce, mantengono la loro vena malinconica e drammatica, ma assumono in alcune opere una dimensione più leggera, più ludica e dinamica grazie all’inserimento di tocchi di luce ottenuti sia manipolando la pellicola fotografica durante le fasi dello sviluppo, che collegando fasci di luci elettriche nella grande installazione scultoreo-fotografica.

Quest’opera acquisisce dinamismo e tridimensionalità grazie all’inserimento di lampade neon che sono
collegate a un generatore Tesla. Il meccanismo elettrico che la anima non è celato, ma diventa parte integrante della composizione. Il set fotografico, significativo momento della creazione, diventa l’oggetto stesso della
rappresentazione in un’opera in cui fotografia e scultura si fondono: il meccanismo come l’allestimento diventano l’opera stessa.

ET FIAX LUX è così il risultato, è il punto di arrivo di un preciso momento dell’evoluzione del percorso
artistico di Špela Volčič
: un tempo in cui la luce si concretizza in una vera e propria esperienza visiva nella ambivalenza costante dei contrasti; una luce che è viva, che si anima, una luce che crea immagini, indirizzata e guidata dalla mano dell’artista.

 

VERNISSAGE: venerdì 7 aprile 2017, ore 18.30

Music Live: Tommaso Castiglioni – vibrafono

ESPOSIZIONE: dal 7 aprile al 19 maggio 2017

a cura di Anna Volpe

Galleria “Fuori le Mura” via Fracastoro 15, Verona / tel: 045 8400529; cell. 349 6027588 – info@galleriafuorilemura.it – annacecilia.volpe@tiscali.it

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.