Pfas, “acqua della zona rossa? La più garantita d’Europa”

Le acque che arrivano agli acquedotti della zona rossa (ovvero quella più colpita da inquinamento Pfas) è la più filtrata d’Italia. Lo ha detto oggi in conferenza stampa il direttore dell’Agenzia regionale per l’Ambiente del Veneto, Nicola Dell’Acqua, che sarà con tutta probabilità anche il  nuovo Commissario per l’emergenza Pfas in Veneto

L’acqua della zona rossa è la più filtrata d’Italia e la più garantita d’Europa”. A dirlo questa mattina in conferenza stampa il direttore dell’Agenzia regionale per l’Ambiente del Veneto, Nicola Dell’Acqua, che sarà anche con tutta probabilità il nuovo Commissario per l’emergenza Pfas in Veneto. Dell’Acqua, assieme al presidente della Provincia Pastorello, oggi ha incontrato i sindaci delle zone cosiddette rosse, cioè quelle più colpite dall’inquinamento da sostanze perfluoroalchiliche. Gli interventi, che il nuovo commissario si impegna a portare a termine entro i due anni di durata del mandato, riguardano il nuovo attingimento di fonti acquedottistiche nell’est veronese, nell’alto vicentino, e con un collegamento particolare alle acque del Brenta.

La situazione sarebbe ormai sotto controllo, quindi, anche in vista dell’installazione della seconda batteria di filtri in continuo alla centrale di Lonigo, ad opera di Acque Veronesi.