Al via il Wolf Forum di Velo con esperti del settore

lupi e orsi

Aprire un dialogo civile sul tema del lupo, che da tempo ha scatenato un acceso dibattito tra favorevoli e contrari, ma anche far conoscere la Lessinia come territorio naturalistico, turistico e con ampie potenzialità di sviluppo e valorizzazione. È questo lo scopo del primo Wolf Forum che si svolgerà venerdì 9 novembre alle ore 17.00 al teatro Orlandi di Velo Veronese, con il sostegno di Cia agricoltori italiani e di numerose aziende agricole e commerciali del paese.

Sul palco si succederanno allevatori, addestratori, zoologi, veterinari, tecnici da tutta Italia e rappresentanti di istituzioni, che avranno il compito di far luce su esperienze e approfondimenti sulla presenza del lupo in realtà antropizzate come il territorio della Lessinia.

Silvia Montanaro

“Il Wolf Forum nasce con la volontà di porsi come punto di riferimento per le diverse realtà presenti sul territorio portando un esempio concreto di come sarebbe eticamente corretto affrontare le questioni di pubblico interesse coinvolgendo i diretti interessati e richiedendo consulenze a esperti del settore – spiega Silvia Montanaro, referente per Cia Verona del problema lupo e per il progetto Life Wolfalps – La scelta è di dare a tutti  la libertà di trattare un argomento delicato come quello del lupo, con lo scopo di aprire in Lessinia un tavolo di discussione e confronto, di apprendimento e formazione. Troppo di ciò che viene espresso sul tema è spesso approssimativo o erroneo, tanto che buona parte delle polemiche scaturisce dalla mancanza di informazione comprovata o di esperienza diretta sul campo. La visione deve essere invece a 360 gradi, perché parlare di lupo vuol dire affrontare argomenti quali la biodiversità, il turismo, la tutela del lavoro, la montagna, i patrimoni nazionali, il benessere animale, l’etica, la cinofilia, il rispetto, le competenze, l’economia”.

La Cia crede nel forum come contesto di confronto non polemico orientato all’accrescimento di conoscenza specifica sul tema e alla creazione di una zona franca di incontro tra favorevoli e contrari al sostegno del lupo sul territorio, con un’analisi pacifica delle diverse argomentazioni. “Questo evento è un’occasione formativa e informativa che può arricchirci e unirci come comunità – spiega Montanaro -Si valuterà la possibilità di organizzare più incontri in futuro anche per valorizzare la Lessinia, andando a coinvolgere le attività ricettive commerciali e agricole autoctone”. Sono previsti infatti anche banchetti in paese, degustazioni e musica all’aperto.